Home Page

Associazione
 La Storia
 
I Maestri
 
Consiglio
 
Iscrizione

Attività
 Esecuzioni
 
Compositori   Bresciani
 Discografia
 Tesi
 Filmati Youtube
 Logotipo

Scuola
 Iscrizione
  Didattica

 
Opuscolo
  Banda Giovanile

Giornale
  La Storia
  
Indici
  
Primo Piano

Archivio Musicale
 Antico
 
Moderno

Associazione Amici della Banda
  

Varie

IMMS Italia

Link di interesse bandistico 

 

           

 

MARCE E DANZE PER BANDA

BEETHOVEN E LA “MUSICA D’USO”

di Giovanni Ligasacchi

Nel 1920 Paul Hindemith coniava il termine "Gebrauchsmusik" che, letteralmente, significa "musica d'uso", cioè un tipo di musica creata per un determinato uso pratico. Questo genere di musica si rivolgeva in modo particolare a gruppi, associazioni civili o religiose impegnate a "far musica" in casa, nella scuola, in chiesa ed in occasione di feste e cerimonie.
Non si trattava di una novità. I sostenitori di questo movimento, che coinvolgeva un gruppo di musicisti (Hindemith, Weill, Eisler, Dessau e Brecht per il teatro), prendeva come modello la produzione di "musica d'uso" dei grandi musicisti del passato (Bach, Haendel, Haydn, Salieri, Mozart, Beethoven ecc.).
L'esigenza di creare una letteratura musicale volta a soddisfare la richiesta di gruppi corali e strumentali dilettantistici, corrispondeva alla particolare tradizione musicale dei paesi di lingua tedesca, dove la pratica musicale era un fenomeno di notevole ampiezza.
Questa situazione favorì la produzione di un repertorio corale e strumentale di facile comprensione anche per gruppi amatoriali.
In questo particolare panorama unico in Europa, riveste particolare interesse la raccolta di "marce e danze per banda", composte da Beethoven negli anni che vanno dal 1809 al 1816.
Nel 1809 viene composta la "Marcia in fa maggiore" (WoO 18) su commissione del Gran Maestro dell’Ordine Teutonico, arciduca Anton Franz, che successivamente Beethoven dedicherà alla "Milizia territoria boema".
Questa marcia è anche nota con il sottotitolo "York'scher marsch", in onore del generale prussiano York. La partitura prevede il seguente organico: flauto piccolo, due flauti, un clarinetto in si bemolle, due clarinetti in do, due corni in fa, due trombe in si bemolle, tamburo piccolo, grancassa, due fagotti e un controfagotto.
Nel 1810 viene composta la "Marcia in fa maggiore" (WoO 19) che viene eseguita durante il carosello tenuto nel castello di Luxenburg nei pressi di Vienna. Sulla prima pagina della partitura originale vi è una importante nota di Beethoven che prescrive "un passo per ogni battuta". Pertanto la marcia doveva essere eseguita in tempo molto veloce.
La "Marcia in do maggiore" (WoO 20) (1806 ?) contrassegnata sulla partitura originale come "Zapfestreich" (La ritirata), venne pubblicata solo nel 1888. La storia di questa composizione è assai travagliata. L'autografo posseduto dall'editore Haslinger, poi dagli antiquari Steger e List e successivamente da Franke, improvvisamente sparì e non si ebbe più traccia fino al 1977 quando comparì ad un’asta a Parigi dove venne acquistato da un privato. Contrariamente alle due marce precedenti, che sono costruite in forma bipartita, senza trio, la marcia in do maggiore è tripartita con un breve trio in funzione della ripresa "da capo".
Mentre le marce finora citate hanno un organico assai tradizionale, la "Marcia in re maggiore per musica militare" (WoO 24) composta nel 1816 "per il Corpo civico di artiglieria di Vienna" ha un organico strumentale assai robusto ed è la maggiore composizione per banda. Difatti la partitura comprende ben 34 strumenti: due flauti piccoli, due oboi, cinque clarinetti, sei corni, otto trombe, tamburo militare, grancassa, due fagotti, cinelli (piatti), tre tromboni, serpentone. Consta di due parti seguite da un trio "all'ongarese" anch'esso in due parti.
Alle quattro marce vanno aggiunte due danze: la "Polacca in re maggiore" e la "Scozzese in re maggiore". Del 1810 è la "Polacca in re maggiore" (WoO 21) per orchestra militare. Il manoscritto originale si trova presso la Biblioteca del Conservatorio di Musica di Parigi e porta la scritta: par Beethoven a (sic) Baden. Sulla stessa partitura autografa della "polacca" si trova anche la "Scozzese" (WoO 22) pure in re maggiore. L'organico strumentale delle due danze è costituito da un flauto piccolo, due oboi, due clarinetti, due corni, una tromba, tamburo militare, grancassa, triangolo, cinelli (piatti), due fagotti e controfagotto.
Queste composizioni sono state pubblicate, nel 1979, dalla Casa Editrice Ludwing Doblinger di Vienna, nella collezione "Diletto musicale" con la revisione del Dottor Otto Biba.
È interessante osservare come l'elemento eroico delle marce, colleghi Beethoven alla musica della Rivoluzione Francese che influenzò profondamente tutta la vita musicale europea. Gli appunti per la "York'Scher Marcsh" (WoO 18) si trovano assieme a quelli per il concerto per pianoforte op. 73: anche questo un lavoro "eroico" con numerosi temi di marcia che hanno in comune molti elementi espressivi.
Oltre a queste composizioni di "musica d'uso" per strumenti a fiato, Beethoven ci ha lasciato oltre cento minuetti, länder, divertimenti, contraddanze ecc. Composizioni queste destinate a balli, trattenimenti e feste in gran parte composte per l'Associazione degli artisti pensionati di Vienna, verso la quale Beethoven, come il suo maestro Antonio Salieri, dimostrò sempre la sua solidarietà.
Queste composizioni ci dimostrano come il Maestro non sempre era "l'eroe", il "titano", lo "scuotitore dei cieli" ma anche e soprattutto un uomo semplice, profondamente umano e sensibilissimo ad ogni manifestazione di solidarietà sociale e umana.