Home Page

Associazione
 La Storia
 
I Maestri
 
Consiglio
 
Iscrizione

Attività
 Esecuzioni
 
Compositori   Bresciani
 Discografia
 Tesi
 Filmati Youtube
 Logotipo

Scuola
 Iscrizione
  Didattica

 
Opuscolo
  Banda Giovanile

Giornale
  La Storia
  
Indici
  
Primo Piano

Archivio Musicale
 Antico
 
Moderno

Associazione Amici della Banda
  

Varie

IMMS Italia

Link di interesse bandistico 

 

           

 

VIAGGIO NELLE REALTÀ MUSICALI BRESCIANE

LA FILARMONICA DI BAGNOLO MELLA

di FRANCESCO LUZZAGO
 

La Società Filarmonica di Bagnolo Mella, nata nel 1839 e sopravvissuta con continuità fino ai nostri giorni, costituisce un punto di riferimento importante per la vita musicale della zona.
La Società Filarmonica non si identifica solamente con la Banda, ma è una struttura che comprende una scuola musicale, un centro culturale ed è promotrice di un'intensa attività musicale che da alcuni anni sta cercando di coinvolgere la cittadinanza. Il pubblico a cui si rivolge è soprattutto fatto di giovani per proporre un'alternativa di aggregazione e di stimolo nella vita del paese, spesso priva di occasioni per favorire la crescita culturale della popolazione locale.
Il tentativo di creare una realtà musicale diversa nasce, nel 1976, tra alcuni giovani della banda che sentono l'esigenza di cambiare l'impostazione del gruppo per incominciare un più profondo e motivato studio della teoria ed esecuzione musicale.
Uno dei promotori di questo rinnovamento è Giovanni Oliva, attuale direttore della banda e animatore della scuola di musica, con cui abbiamo parlato dei progetti della Società Filarmonica. Abbiamo colto nelle parole di Oliva, il desiderio di evidenziare lo sforzo che è stato fatto, ed è tuttora in corso, per creare un gruppo musicale omogeneo che, pur non pretendendo una preparazione troppo specialistica, vuole fare musica con serietà ed entusiasmo. Queste intenzioni si sono concretizzate negli ultimi anni, in iniziative sperimentali quali il corso per bambini dai 7 ai l0 anni e un interessante corso di musica d'insieme che coinvolge anche le prove della banda. Si organizzano infatti prove a sezioni, per favorire la formazione di piccoli gruppi strumentali che permettano ad ogni elemento della banda di esprimersi come non potrebbe nelle prove d'insieme.
Questi corsi, inizialmente sperimentali, hanno avuto molto successo ed oggi sono inseriti nei programmi della scuola dove attualmente sono impartite lezioni di Teoria e solfeggio, Clarinetto, Sax, Violino, Flauto, Tromba, Trombone e Chitarra: altri corsi come la classe di Esercitazioni corali, il corso di Analisi e introduzione all'improvvisazione jazz e di Armonia complementare sono in via di definizione.
L'attività della banda, con un organico di 60 elementi di cui effettivi 34, è oggi limitata per il difficile lavoro di impostazione cominciato da non molto tempo: il nuovo statuto della Società Filarmonica è infatti datato 1981 e il M° Oliva dirige la banda dal 1984. Non si può comunque dire che il lavoro svolto non sia molto e che non esitano programmi ambiziosi: la collaborazione con la locale scuola media ad indirizzo musicale, già attiva, è destinata a potenziarsi, si vuole poi rendere produttivo il centro culturale della Società, con una fornita biblioteca ed iniziative di carattere teorico musicale (corsi di educazione all'ascolto, concerti, lezioni di perfezionamento nei vari strumenti).
Il fine che ci si propone con il potenziamento di questa scuola è di creare una struttura che si ponga tra l'insegnamento specialistico di un Conservatorio e centri di musica poco attenti ad una reale divulgazione di musica non solo suonata ma anche vissuta in prima persona.
In questo modo la struttura scolastica può e de ve essere intesa come luogo di incontro e confronto tra coloro che vogliono "comunicare", mettere in comune, le proprie esperienze musicali per un concreto e stimolante lavoro collettivo.
Il corpo bandistico di Bagnolo si presenta quindi più come momento di verifica di un lavoro attento di ricerca e sperimentazione, che come gruppo con un repertorio ed un'attività tradizionale di musica bandistica. Come dice lo stesso Oliva, "il primo significato culturale della banda, non si rivela nel suo rivolgersi ad un pubblico (funzione che certo non si discute e che sta alle radici di questo gruppo strumentale), ma invece nella divulgazione di un'esperienza musicale diretta e concreta che si contrapponga, almeno in parte, all'appiattimento ed alla fruizione passiva del prodotto che ci viene proposta dai mass-media. Il fine da raggiungere è dunque la comprensione del messaggio artistico come riflessione ed approfondimento."
Come già detto, l'ambizioso programma innovativo è sempre molto attento alla realtà locale e non rinnega la tradizionale impostazione della banda come momento di aggregazione, oltre che per i partecipanti, per il paese intero. Il tentativo è invece di potenziare questa funzione aumentando, con un maggiore approfondimento tecnico e musicale, il coinvolgimento dei singoli componenti.
Naturalmente non è semplice compiere delle trasformazioni più o meno radicali in una realtà con tradizioni centenarie e le opposizioni a questo tipo di scuola e di banda sono state per lungo tempo molto forti. Oggi, dopo cinque anni di scuola. gli iscritti sono sempre molti (nel primo anno di lezioni erano 120) e danno ragione a chi ha creduto nella creazione di un ambiente nuovo e ricco di fermenti creati vi ed umani.