Home Page

Associazione
 La Storia
 
I Maestri
 
Consiglio
 
Iscrizione

Attività
 Esecuzioni
 
Compositori   Bresciani
 Discografia
 Tesi
 Filmati Youtube
 Logotipo

Scuola
 Iscrizione
  Didattica

 
Opuscolo
  Banda Giovanile

Giornale
  La Storia
  
Indici
  
Primo Piano

Archivio Musicale
 Antico
 
Moderno

Associazione Amici della Banda
  

Varie

IMMS Italia

Link di interesse bandistico 

 

           

 

VIAGGIO NELLE REALTÀ MUSICALI BRESCIANE

LA BANDA MUNICIPALE DI VEZZA D’OGLIO

La Banda Municipale di Vezza d'aglio fu costituita tra la fine del 1908 e l'inizio del 1909 per volontà e merito del Sacerdote Don Faustino Petroboni, nativo di Vione. Don Faustino appassionato di musica e con l'intento di creare una maggior socializzazione nel paese e diffondere, soprattutto nei giovani, l'amore alla musica, non esitò a mettere a disposizione per questa iniziativa gran parte del suo patrimonio familiare dotando la banda di nuova ed efficiente strumentazione e di quant'altro necessario affinché la banda potesse funzionare in modo efficiente e, per quel tempo, con una non consueta organizzazione. Non è possibile determinare oggi con esattezza il numero dei componenti della banda, ma da quanto si è potuto raccogliere da vecchie documentazioni e testimonianze, sembra fossero in numero di quaranta.
La sede della scuola era ubicata nello scantinato di un vecchio fabbricato nel centro storico del paese (cà Bette) ed il primo maestro fu certo Occhi Martino (Tonale) il quale, dopo la guerra 15-18, si trasferì a Edolo impiegato di banca.
Nell'anno 1915 1a banda dovette sciogliersi poichè la maggior parte dei suoi componenti furono chiamati alle armi e per il fatto che la zona era particolarmente disagiata e pericolosa trovandosi strettamente collegata al fronte del Tonale.
Appena terminata la guerra l'encomiabile Don Faustino con la sua infaticabile opera e finanziando di propria tasca la Banda Municipale riprese la sua attività musicale. Fu chiamato a diriger1a il Maestro Castelvedere, istruttore presso l'opera Artigianelli di Brescia, il quale oltre che maestro di musica era anche maestro di disegno e falegnameria, insegnamento che prestava presso una scuola all'uopo costituita a sostegno dei giovani del posto.
Proprio in quegli anni la banda ebbe il periodo di maggior sviluppo aggregando alla stessa nuovi giovani raggiungendo il numero di cinquanta componenti circa. (a tale uopo esistono interessanti fotografie d'epoca).
L'opera del maestro Castelvedere fu di particolare importanza per il futuro della banda. Fra gli allievi vi era l'attuale maestro Cav. Giovanbattista Occhi, persona di particolare talento musicale, che specializzatosi nello studio nel corso degli anni, dopo la partenza del maestro Castelvedere (ritornato agli Artigianelli di Brescia) prese il suo posto. Con passione, dedizione e sempre più innamorato della musica continua ancora l'insegnamento anche se ormai quasi ottantatreenne.
In tutti questi anni la Banda musicale, pur travagliata da grosse difficoltà e nonostante la seconda guerra mondiale che vide numerossissimi suoi componenti partire per il fronte (numerosi furono i caduti e i dispersi sul fronte russo) non si è mai sciolta; anche se a ranghi ridotti, il giorno in cui fu dichiarata la fine della seconda guerra mondiale in segno di giubilo con tutta la popolazione festante tenne un concerto nella piazza principale del Pae-se.
Vezza d'aglio, come tutti sanno, si trova all'estremo lembo della provincia di Brescia in alta Valle Camonica; zona da sempre povera e con grossi problemi socio economici ed occupazionali. Per tali motivi la banda è soggetta con notevole frequenza a continue variazioni e sostituzioni. La necessità di trovare adeguate sistemazioni economiche ed occupazionali ha costretto numerosi musicanti ad abbandonare il Paese. Il fenomeno della emigrazione negli anni 60 ha assunto proporzioni rilevanti tanto da ridurre sensibilmente i componenti della banda.
Va sottolineato e rimarcato che solo attraverso l'opera instancabile del Maestro Occhi e dei vari presidenti della Banda è stato possibile portare nuove forze giovanile alla passione musicale. Con l'aiuto finanziario della Regione e dello Stato è stato possibile organizzare numerosi corsi di orientamento musicale e reintegrare in modo consistente i membri mancanti.
È doveroso qui richiamare i particolari meriti organizzativi del presidente della Banda Cav. Ernesto Gregorini e del suo vice presidente Sig. Occhi Bortolo musicante appassionato ed inserito nel complesso come strumentista fin dal 6 gennaio 1935. Dopo la morte del Cav. Ernesto Gregorini il Sig. Occhi Bortolo risulta essere stato eletto con voto unanime presidente. Se la banda di Vezza d'Oglio è oggi più che mai viva ed operosa molto si deve alla meritoria dedizione dell'attuale Presidente Sig. Occhi Bortolo; persona per natura riservata che non cerca pubblicità e consenso plateale, ma che lavora con passione, e totalmente teso a far sì che la banda possa continuare nel tempo e non debba mai più incontrare difficoltà come quelle incontrate e cosi difficilmente superate negli anni 40-45 e dell'immediato dopoguerra.
In questi ultimi anni si sono potuti organizzare ben due corsi di orientamento musicale e la frequenza dei giovani della scuola dell'obbligo è veramente ragguardevole; attualmente si sta completando il terzo corso con una media di iscritti che si aggira mediamente sulle 15 presenze; grande merito va riservato alla nuova insegnate Sig.na Renata Gregorini (componente da oltre dieci anni della banda) che svolge il suo compito dedicandosi particolarmente a istruire e seguire i giovani allievi. I risultati di questa opera sono più che lusinghieri, con ottime previsioni per il rimpinguamento di nuove forze nel complesso bandistico.
Attualmente il Complesso Bandistico è composto di n. 25 titolari e n. 15 allievi; Direttore maestro è il sig. Cav. Giovanbattista Occhi, insegnante degli allievi la sig.na Renata Gregorini, presidente responsabile il Sig. Occhi Bortolo, la sede e l'aula di musica si trovano presso il Municipio di Vezza d'Oglio, in via Nazionale. Va segnalato che le Amministrazioni Comunali susseguitesi nei vari anni hanno sempre dimostrato disponibilità e impegno economico a sostegno della Banda stessa.