Home Page

Associazione
 La Storia
 
I Maestri
 
Consiglio
 
Iscrizione

Attività
 Esecuzioni
 
Compositori   Bresciani
 Discografia
 Tesi
 Filmati Youtube
 Logotipo

Scuola
 Iscrizione
  Didattica

 
Opuscolo
  Banda Giovanile

Giornale
  La Storia
  
Indici
  
Primo Piano

Archivio Musicale
 Antico
 
Moderno

Associazione Amici della Banda
  

Varie

IMMS Italia

Link di interesse bandistico 

 

           

 

LA MUSICA E L'EVENTO NASCITA

di Claudio Paganotti e Adalgisa Caraffini

Il corpo umano può funzionare come una cassa di risonanza, che recepisce i suoni dell'ambiente circostante e li trasmette al cervello, dove vengono modificati dalle emozioni e dalle esperienze; per poi essere vissuti come piacevoli o spiacevoli. Già nella vita prenatale, il feto si sviluppa in un ambiente colmo di suoni: il battito del cuore materno, il ritmo del respiro, il rumore del liquido amniotico.
Per secoli si è guardato con sospetto all'applicazione della musica per controllare il dolore o per curare alcune malattie, tuttavia solo recentemente la musica come terapia è diventata parte integrante in alcuni campi della medicina: dalla neurologia alla psichiatria, dalla sessuologia alla psicoprofilassi al parto, dalle tecniche di rilassamento a quelle antidolorifiche.
Tra le applicazioni terapeutiche della musica ricordiamo il "massaggio sonoro", il quale consiste in musiche composte con frequenze basse, che la persona ascolta in posizione molto comoda: tale musica con struttura ritmica allungata, libera il soggetto da ogni tensione, lo rilassa e talvolta lo induce al sonno.

La musica e la gravidanza
La musica è stata spesso impiegata per il controllo del dolore in varie situazioni come in chirurgia, in odontoiatria e talvolta in ostetricia.
Molti corsi di preparazione al parto utilizzano la musica durante gli incontri per creare un ambiente tranquillo e rilassante: le gravide eseguono degli esercizi ginnici ascoltando la musica. Inoltre, l'uso della musica ha suscitato un certo interesse durante la gravidanza ed il travaglio di parto: alcune donne durante la gravidanza ascoltano dei brani musicali dedicati al proprio bambino, per aiutarlo a stabilire un rapporto con il mondo esterno dolce ed armonioso; altre partoriscono in sale parto, nelle quali la musica viene trasmessa come elemento di distensione e di concentrazione sul ritmo.
L'audioanalgesia in ostetricia consiste nell'ascolto di una musica dolce nell'intervallo tra le contrazioni uterine, associata ad un "suono bianco", il cui volume è regolato dalla donna mentre è in travaglio, durante le contrazioni stesse.
Uno studio ha rilevato una tendenza al miglior controllo del dolore nelle donne sottoposte ad audioanalgesia rispetto a donne che non hanno usufruito di tale metodica, anche se l'effetto era limitato alle primipare e la differenza non era statisticamente significativa. Poiché il placebo era rappresentato da un suono bianco di minore intensità, che poteva avere di per se delle proprietà analgesiche, è possibile che il beneficio dell'audioanalgesia fosse mascherato. Altri studi hanno riscontrato un minor dolore e un minor uso di analgesici in presenza di audioanalgesia.
Ultimamente comunque l'interesse per l'audioanalgesia nel controllo del dolore durante il travaglio di parto è molto diminuito.
L'uso della musica, invece, suscita un ampio interesse tra le donne gravide. Le qualità piacevoli della musica possono offrire un'ulteriore dimensione alla distrazione indotta dal suono bianco. La musica proveniente da un registratore o da un giradischi crea un ambiente rilassante; se la gestante utilizza la cuffia, la musica può coprire rumori esterni disturbanti, distraenti e sgradevoli.
La musica, se viene scelta con accuratezza, può rinforzare i patterns respiratori ritmici, il movimento del massaggio e facilitare l'evocazione di immagini. Pertanto la musica ha il potenziale di ridurre lo stress e di potenziare altre tecniche analgesiche. Inoltre, può indurre, anche, un comportamento può rilassato e positivo da parte del personale e delle persone che la gestante ha scelto di avere accanto a se.
Gli studi condotti sugli effetti analgesici della musica in travaglio di parto ne hanno documentato l'effetto positivo. Questi studi, insieme ai dati sugli effetti della stimolazione uditiva e della musica su altri tipi di dolore (per esempio il dolore chirurgico, il dolore associato alle ustioni, il mal di denti....), dimostrano che la musica in alcuni casi possiede la capacità di ridurre il dolore. La sua efficacia antalgica, comunque, sembra dipendere dal livello di educazione, di preparazione e di adattamento ai gusti musicali personali di ogni donna.
Durante il travaglio di parto, oltre che durante la gravidanza, anche l'utilizzo della voce con vocalizzi liberi e sempre più lunghi ed intensi permette alla donna di scaricare la tensione e contemporaneamente di ricaricarsi di quell'energia vitale provocata dalle sue stesse vibrazioni canore. Questa esperienza, è ancora in uso in alcune zone della terra, aiuta la donna ad alleviare i dolori del travaglio di parto e, in alcuni casi, a non provarli affatto.

La musica e il neonato
Il mondo della musica non è estraneo neanche al neonato, infatti suscita in lui un'attrazione, che lo induce non solo ad ascoltare, ma anche a ricevere con lo sguardo la fonte del suono gradevole.
Gli psicologi spiegano questo evento risalendo alla vita prenatale. Il ritmo della musica ricorderebbe quello del movimento condiviso in sintonia con la madre mediante la fluidità del liquido amniotico. Per cui ogni volta che si ascolta la musica, inconsciamente si ritorna con la fantasia a quel mondo perfetto e protetto che produce una sensazione di piacere gradevole.
Nel caso dei nati pretermine è importante utilizzare la musica. A tale proposito si prepara una cassetta con la registrazione delle musiche preferite dalla madre e ascoltate durante la gravidanza, nonché delle voci dei genitori mentre parlano tra di loro o cantano canzoni già sentite in gravidanza.
Facendo ascoltare tale cassetta al nato pretermine si crea una specie di "cordone ombelicale sonoro" che aiuta il neonato a superare lo stress psicologico dovuto alla mancanza della presenza materna.
Il rapporto con i suoni e la musica rappresenta una tappa importante per il processo di conoscenza della realtà per il bambino.
Quando il neonato si confronta con il mondo dei suoni, all'inizio impara a riconoscere la voce della madre, che gli trasmette serenità, affetto e senso di protezione. Successivamente, nelle prime settimane di vita riconosce ed ama i suoni argentini (una campanella, un sonaglio, un carillon, ecc.) ed è disturbato ed irritato da quelli troppo forti (un colpo violento, un oggetto pesante che cade per terra, ecc.).
Col passare dei mesi, quando l'apparato uditivo è giunto alla completa maturazione, tutti i suoni, dolci o violenti, esercitano un grande fascino sul bambino: è lui stesso ad impegnarsi nel provocarli, sbattendo i suoi giocattoli sul seggiolone o picchiandoli uno contro l'altro.
Gli psicologi ritengono che anche il bambino come l'adulto abbia un proprio gusto musicale innato e che per scoprirlo basta seguire le sue reazioni a diverse melodie.
L'educazione musicale rappresenta una tappa successiva: infatti gli studiosi di pedagogia infantile, ritengono che questa possa iniziare in età precoce.
Viene giudicata positiva l'esperienza di alcuni asili nido sperimentali, nei quali si avvia l'educazione dei bambini attraverso l'uso di vari strumenti musicali e l'insegnamento delle armonie elementari.
Questo lavoro trova nel bambino un allievo più attento e disponibile: suonare un tamburo o un flauto è uno dei giochi che conquista i bambini e li tiene impegnati in lunghe esercitazioni. Perché il bambino più che un ascoltatore di musica, vuole esserne un esecutore.