Home Page

Associazione
 La Storia
 
I Maestri
 
Consiglio
 
Iscrizione

Attività
 Esecuzioni
 
Compositori   Bresciani
 Discografia
 Tesi
 Filmati Youtube
 Logotipo

Scuola
 Iscrizione
  Didattica

 
Opuscolo
  Banda Giovanile

Giornale
  La Storia
  
Indici
  
Primo Piano

Archivio Musicale
 Antico
 
Moderno

Associazione Amici della Banda
  

Varie

IMMS Italia

Link di interesse bandistico 

 

           

 

VIAGGIO NELLE REALTÀ MUSICALI BRESCIANE

UN SECOLO DI STORIA

LA BANDA DI DARFO

di GIACOMO CASADEI
 

Il libro "LA BANDA. Un secolo di musica, storia, cultura nella città di Darfo Boario Terme" traccia la storia di questo complesso musicale dalla sue origini ad oggi: il 1888 è formalmente accettato come la data più probabile dell'origine della banda, anche. se forse già attorno al 1850 esisteva in Darfo un gruppo di suonatori, forse troppo esiguo per chiamarsi "musica" (questo era il termine usato in quegli anni).
È encomiabile il lavoro di ricerca svolto dagli Autori in quanto gran parte della documentazione storica ufficiale “è andata perduta a causa dell'alluvione del 1960”; essi si sono allora rivolti "agli archivi Parrocchiali, Comunali, Statali, in valle e provincia, alla biblioteca Queriniana di Brescia e hanno arricchito le loro ricerche grazie ad alcuni privati e alle interviste ai mu-sicisti anziani", attraverso i cui ricordi hanno "riscoperto il sapore della vita d'altri tempi che si è ripresentata con l'identica freschezza di allora".
Le vicende del complesso rispecchiano anche i problemi storici, economici, politici e sociali che hanno caratterizzato la vita della nostra valle e, in senso più Iato, quella nazionale.
Nel 1896, ad esempio, in seguito alla "riforma sulla Musica Sacra, ispirata da San Carlo Borromeo nei due Concili I e VII" le bande sono escluse dalle chiese e sono condannate "altresì le musiche eccessivamente lunghe, profane, teatrali, volgari, triviali, ecc.".
Il parroco di Darfo vieta allora la partecipazione della banda alle manifestazioni sacre perché il complesso musicale si presta ad accompagnare anche quelle liberali o comunque non propriamente religiose, come i funerali civili.
Dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, la banda si divide per divergenze politiche insanabili: si forma il "Vecchio Corpo Musicale" di idee più tradizionaliste che accompagna le manifestazioni cattoliche e il nuovo "Corpo Musicale Sociale Operaio", più legato alle innovazioni politiche e sociali.
Nel 1923, quando crolla la diga costruita sul torrente Gleno, distruggendo quasi totalmente Darfo, anche la banda si trova in gravi difficoltà e si ricostituisce nel 1925 grazie all'aiuto economico di vari enti privati ed all'appoggio del regime fascista che, dalla banda, si aspetta la diffusione propagandistica della propria musica militaristica: si racconta che, in una delle tante manifestazioni, si suonò "Giovinezza" per ben 27 volte, senza sosta!
Durante la Seconda Guerra Mondiale, la banda si disperse per ricostituirsi subito dopo la Liberazione, con l'appoggio finanziario di varie ditte del paese e, più tardi, del Comune.
Nel 1970 il complesso musicale accoglie nel proprio organico la prima ragazza che, resistendo alle critiche dei "benpensanti", apre la via alla presenza femminile della banda che oggi è quasi pari a quella maschile.
Il libro riporta una ricca documentazione fotografica che rende partecipi dell'evoluzione del complesso, oltre alla riproduzione di vari documenti d'epoca.
Non mancano simpatici aneddoti che fanno capire come una banda non sia un gruppo unito artificiosamente ma il risultato di un grande entusiasmo e spirito di sacrificio che vengono ripagati da una salda amicizia tra i componenti e dall'affettuosa riconoscenza del pubblico.
Ci piace concludere con le parole che gli Autori hanno posto al termine della loro presentazione: "…la convinzione che i testi dovevano essere scritti da noi. Se avessimo affidato questo compito ad un letterato, il libro avrebbe presentato maggior correttezza nella sintassi e migliore scorrevolezza nella lettura; d'altro canto però saremmo stati privati di qualcosa che sentivamo nostro. Anche il lettore non avrebbe potuto assaporare quella spontaneità che può uscire solo da chi, come noi, vive intensamente (alcuni da 30 anni) all'interno della banda, sorretto dalla passione per la musica e dai valori umani di amicizia, solidarietà e volontariato".