Home Page

Associazione
 La Storia
 
I Maestri
 
Consiglio
 
Iscrizione

Attività
 Esecuzioni
 
Compositori   Bresciani
 Discografia
 Tesi
 Filmati Youtube
 Logotipo

Scuola
 Iscrizione
  Didattica

 
Opuscolo
  Banda Giovanile

Giornale
  La Storia
  
Indici
  
Primo Piano

Archivio Musicale
 Antico
 
Moderno

Associazione Amici della Banda
  

Varie

IMMS Italia

Link di interesse bandistico 

 

           

 

UN PERCORSO DIDATTICO

LE IMPRESSIONI DEL SUONO, DEI COLORI, DELLE PAROLE

di Raffaele Olivieri

Ricordo che da bambino rimasi molto colpito dai quadri degli impressionisti: erano come un insieme di macchie, e cosi indefiniti mi facevano pensare alla musica. Quando molto più tardi ascoltai Debussy, mi resi conto che la sua musica è davvero la stessa cosa: blocchi timbrici, polvere aerea che apparentemente è priva di un'organizzazione (in realtà è organizzata, non da una forma esterna ma al suo stesso interno).
Quei quadri e quella musica erano proprio come un punto, il primo anello di una catena che faceva nascere in me tante cose: ricordi, sensazioni impalpabili provate correndo per la campagna torinese, impressioni liquide, acquatiche che ora riaffioravano, improvvisamente sollecitate.
Un giorno provai persino a sedermi al pianoforte mettento una ballerina di Degas al posto dello spartito; ma questo esperimento sull'ispirazione non ebbe nessun risultato.
Miles Davis, dicono, è riuscito a fare una cosa simile facendosi scorrere davanti le scene di un film francese "Ascenseur pour l'echateu''. A parte il fatto che non sono bravo come lui, non so davvero quanto ciò sia possibile: la musica nasce da un'emozione, un'impressione che come tale è in noi e non è mai provocata direttamente dall'oggetto che ci stimola.
Molti anni dopo ho voluto provare a scuola: perchè non provare, in chiave didattica, a realizzare la stessa operazione che è tipica dell'impressionismo in campo estetico? Stimolare, quindi, i ragazzi con musiche, pitture, poesie. Poi continueranno loro stessi inventando, producendo.
Questo potrebbe aiutarli a guardare dentro di loro pensavo e insieme anche fuori; del resto l'impressionismo è la prima delle avanguardie e apre la strada all'arte contemporanea, quella segnata dal tramonto del descrittivismo e dall'inizio dello psichismo. Il mondo esterno inizia a essere filtrato dall'Io (più tardi, con il surrealismo, dall'inconscio) prima di diventare arte, e la rivoluzione artistica del '900 parte proprio dalle impressioni, territorio di confine e di scambio fra mondo esterno e mondo interno
Del resto la realtà di oggi, in continuo processo di frantumazione e perdita dei significati, è piena di elementi impressionistici (immagini allusive, testi di canzoni come macchie visive e sonore, prive di concetti e azioni compiute, titoli di giornale che puntano più sul gioco di parole che sul significato).
Ma vediamo come ho realizzato quest'esperienza in classe, in una seconda media di una scuola della Franciacorta.

* * *

I Fase: OSSERVAZIONE DIRETTA
(partiamo direttamente dal testo, evitiamo le solite impostazioni da manuale del tipo "introduzione generale - vita dell'artista - poetica - opere da ricordare" che elimina la continuità passato presente e fornisce una visione individualistica e collezionista della storia delle arti).
Osserviamo alcuni dipinti:
­ "impressione al levar del sole" (Monet)
­ "Madame Cezanne nella serra" (Cezanne)
­ "Cattedrale di Rouen al tramonto" (Monet)

Ascoltiamo alcuni frammenti musicali:
­ da "Riflessi sull'acqua" (Images l di Debussy)
­ e da "Gioco delle onde" (La mer di Debussy)

Leggiamo una poesia:
­ “Temporale" di Pascoli

II Fase: IPOTESI - DISCUSSIONE – VERIFICA
"Che cosa potrebbero essere?"
Qualcuno dice: "è una musica per film'"
Un altro: "Vediamo se ci fa venire in mente delle immagini".
I ragazzi si accorgono che sono tutte diverse (sono arrivati a capire la soggettività) e che hanno a che fare con una natura che per loro è "indefinita, imprecisa".
Confronto con la poesia: "anche qui c'è la natura, mancano le persone, mancano i verbi, le immagini sono tutte allineate."
Confronto con i quadri: "le persone ci sono, ma non hanno un'espressione chiara nel viso, non si capisce bene. Anche qui la natura, ma una natura indefinita."

III Fase: INTERPRETAZIONE DEL CONTENUTO
"Che cosa ci dicono?"
Dalla discussione emergono pace, sonno, noia, leggerezza, silenzio...

IV Fase: ANALISI
"Come sono fatti?"
musica: melodia, armonia, trimbro, altezza, durata. immagine: toni, colori, piani, pennellate, ecc... poesie: scelta dei vocaboli, assenza del verbo, suono delle parole, ecc...

V Fase: GIUSTIFICAZIONE DELL'INTERPRETAZIONE ATTRAVERSO L'ANALIS
"Come ce lo dicono?"
(È la più difficile per i ragazzi. N ella nostra cultura esiste una forte scissione fra il discorso sul segno [tecnicismo specialistico musicale, pittorico, letterario] e sul significato [quello che la gente dice sulla musica, sulla pittura, sulla letteratura]. Il vero significato è infatti di carattere sociale, è quello che il ricevente attribuisce al prodotto estetico, ed è quasi sempre diverso da quello attribuitovi dall'emittente. Questa frattura è da attribuire quindi in gran parte al divario pubblico-artista del '900 e alla crisi della comunicazione estetica in generale).

I risultati:
La musica ce lo dice con: il silenzio; con certi timbri (pianoforte registro acuto); con il contrasto dei timbri (scuro-chiaro); con il contrasto di altezza (grave-acuto); con certe scale (esatonale, cromatica).
La pittura ce lo dice con: assenza di gerarchie fra elementi; la luce; ecc...
La poesia ce lo dice con: scelta di certi vocaboli; l'assenza di sintassi; ecc...

Altre osservazioni: dall'impressionismo al simbolismo il passo è breve. Già qui ricorre spesso nei titoli o sulle impressioni l'immagine dell'acqua.
È l'acqua come simbolo di ritorno alle origini, alle acque materne, a una quiete vista non come assenza di conflitti ma come risultato di conflitti rimossi. Si potrebbe usare, come dice Cristina Baldo, la metafora dello stagno (staticità non ripetitiva, tempo dilatato, stupore).

VI Fase (PRE-OPERATIVA)
I ragazzi si accorgono che la musica non si ripete mai perche, se si ripetesse, ci sarebbe la predominanza di un elemento sugli altri (tema). Sono vicini all'idea di flusso associativo, cosi spesso utilizzata nella produzio-ne artistica decadente (Joyce, Proust).

VI Fase (OPERATIVA)
"Provate con i suoni"
Usando le seguenti regole (sono semplici indicazioni di stile e non di forma-struttura, n.b.): i suoni devono essere sullo stesso piano; non devono subire ripetizioni; è bene utilizzare la scala esatonale, cromatica, gli accelerando e i rallentando; è bene scegliere con chiarez-za i timbri e motivare la scelta.
I ragazzi scelgono campanelli, fischi, acqua, metallofono, glockenspiel. Qualcuno suggerisce un verso di animale, senza sforzarsi di riprodurlo esattamente (basta suggerirlo).
"Provate con i colori"
Il lavoro è stato seguito dall'insegnante di Educazione Artistica.

"Provate con le parole"
Usando queste regole: assenza di verbo (il verbo è un fare, le impressioni significano ricevere); vocaboli: attenzione al suono della parola e non al suo significato; evitare riferimenti drammatici.

VII Fase: "IN CHE COSA RITROVIAMO ELEMENTI IMPRESSIONISTICI OGGI?"
Ricerche: nella pubblicità; nei titoli di canzoni; nei testi di canzoni; nella musica per film.