Home Page

Associazione
 La Storia
 
I Maestri
 
Consiglio
 
Iscrizione

Attività
 Esecuzioni
 
Compositori   Bresciani
 Discografia
 Tesi
 Filmati Youtube
 Logotipo

Scuola
 Iscrizione
  Didattica

 
Opuscolo
  Banda Giovanile

Giornale
  La Storia
  
Indici
  
Primo Piano

Archivio Musicale
 Antico
 
Moderno

Associazione Amici della Banda
  

Varie

IMMS Italia

Link di interesse bandistico 

 

  

 

IL PATRIMONIO BIBLIOGRAFICO MUSICALE A BRESCIA - 2 -

LE BIBLIOTECHE

di Mariella Sala

a) Biblioteca Queriniana:
non esiste un catalogo speciale per la musica. Le ricerche sono quindi compiute in modo avventuroso e poco sistematico, scandagliando i molteplici cataloghi e cercando sotto i soggetti ritenuti attinenti. Le informazioni qui riportate non pretendono di risultare esaurienti: rappresentano solo uno stimolo per una auspicata futura catalogazione corretta e completa.
La Biblioteca conserva alcune stampe musicali di autori bresciani dei secoli XVI e XVII (cifr. O. MISCHIATI, Bibliografia delle opere dei musicisti bresciani pubblicate a stampa dal 1497 al 1740). Non si tratta, in genere, di esemplari integri, bensì di libri delle parti isolati (non è forse inutile ricordare che a quell'epoca le composizioni vocali non venivano stampate in partitura, ma su parti staccate). Ogni cantore aveva in mano il proprio libro con la sola linea melodica a lui destinata. Questa pratica editoriale comporta che spesso di un'opera non si conservino tutti i libri delle parti, ma che in seguito a smembramenti - ne rimangano solo alcune parti staccate.
Troviamo anche importanti trattati teorici (Franchino Gaffurio, Musica practica, 1497; Lodovico Zacconi, Practica di musica, 1596; Giuseppe Tartini, Trattato di musica, 1754); stampe musicali di compositori non locali (Madrigali, pastorali ... intitolati "Il Bonifacio ", 1594; Paolo Benedetto Bellinzani, Missae quatuor vocibus, 1717); manoscritti "cum notis musicalibus" ancora tutti da scoprire.
Una indagine a parte meriterebbero i libretti di opere, cantate sacre e profane, oratori che probabilmente si nascondono in qualche miscellanea.
Ugualmente, qualche sorpresa potrebbe celarsi nei fondi non ancora catalogati (per esempio il fondo Guerrini di cui si è già detto).

b) Biblioteca del Conservatorio:
accanto alla indispensabile sezione didattica, in continua crescita, la biblioteca presenta un cospicuo "fondo prezioso" composto da stampe dei secoli XVIII, XIX e XX (prima metà) e molti manoscritti.
Tale fondo prezioso si è costituito e via via ampliato grazie a donazioni di musicisti bresciani che lasciarono in eredità all'Istituto Musicale (ora Conservatorio) la propria biblioteca (Francesco Pasini, Paolo Chimeri, Giambattista Soncini, Giacinto Conti e altri).
Le edizioni a stampa rappresentano una viva testimonianza del modo amato riai e di far musica praticato nelle case, e insieme sono indicative del gusto melodrammatico imperante.
Troviamo infatti molta musica da camera (per organici limitati); molte opere o estratti da opere ridotti per canto e pianoforte; melodie e romanze; grandi "fantasie concertanti" o "potpourri" più o meno brillanti sui "motivi favoriti" di opere famose. Inoltre, una grande quantità di musica per pianoforte: in parte produzioni originali (fra cui tanti ballabili), ma per lo più - riduzioni di opere, o di pezzi cameristici. Il pianoforte si pone, quindi, come lo strumento da "Hausmusik" per eccellenza, per la possibilità di riprodurre - grazie alla sua duttilità - le più diverse forme musicali.
Fra i pezzi più notevoli si segnalano la prima edizione a stampa dei Salmi di Benedetto Marcello (1724), il Miserere di Giuseppe Ferdinando Bertoni (1802), e le parti orchestrali di alcune sinfonie di Franz Joseph Haydn in edizione Artaria.
Ugualmente di rilievo la sezione dei manoscritti. Troviamo musica da camera (XVIlI - XIX secolo); alcune raccolte di sonate per organo della prima metà dell'800 che sarebbe forse interessante (e divertente) rispolverare; composizioni per clavicembalo (XVIII secolo); molta musica vocale (brani di G.P. Borghi, D. Cimarosa, P.C. Guglielmi, A. Marcello, S. Masolini, G. Paisiello, N. Piccinni, G. Sarti in redazione settecentesche). Qualche raro esempio anche di produzione sacra.
Attenzione particolare richiede la raccolta di partiture manoscritte che annovera melodrammi, cantate, oratori e concerti. Per citare solo i compositori più noti, ricordo il Mondo della luna di Baldassarre Galuppi (manoscritto datato 1750); due oratori (Il cantico dei tre fanciulli e Sant'Agostino) e un'opera (Siroe) di Johann Adolph Hasse; il Don Trastullo (Intermezzo di Nicolò Jomelli); l'Alceste di Cristoph WiIlibald Gluck, oltre a composizioni di D. Alberti, G.C. Clari, E. Conforti, G. Consolini, L. Leo, B. Marcello, G. Rossini.
Molto documentata appare anche la produzione del bresciano Ferdinando Gaspare Turrini detto "Bertoncino" (1745 - 1829), di cui si conservano Concerti per clavicembalo e orchestra e Sonate per cembalo solo.

c) Biblioteca Musicale del Seminario Vescovile:
accanto a una sezione didattica (in fase di avanzato riordino), la biblioteca possiede un fondo antico che presenta motivi di interesse.
Il fondo è, in realtà, molto eterogeneo: comprende infatti stampe e manoscritti, di produzione sia sacra, sia profana, di autori in parte bresciani e in parte no. Questa varietà dipende probabilmente da aggregazioni successive di materiale di diversa provenienza.
È molto probabile, per esempio, che in questo fondo siano state inglobate le musiche contenute in faldoni originariamente appartenenti all'Archivio delle Grazie. Personalmente, poi, trovo molto curiosa le presenza di tanto repertorio profano in una biblioteca squisitamente religiosa.
Dividendo l'archivio per settori, troviamo manoscritti di repertorio sacro di compositori bresciani fra l’800 e il ‘900 (Arnaldo Bambini, i Baronchelli, Giuseppe Berardi, Isidoro Capitanio, Paolo Chimeri, Giovanni Lodrini, Costantino Quaranta, Giuseppe Spada, Luigi Vismara). In particolare largamente rappresentata è la produzione di Giovanni Premoli (in autografo). Interessante anche il reperimento di molte musiche sacre del Gnocchi e del Pollaroli: si tratta di trascrizioni piuttosto recenti di messe, salmi e responsori che sono conservati nell'archivio del Duomo (in redazioni settecentesche talvolta autografe).
È logico pensare che tali brani siano stati trascritti modernamente per poter essere in seguito eseguiti, (forse dalla Schola Cantorum del Seminario).
Fra i monoscritti sacri, alcuni risalgono al XVIII secolo (Pietro Baldassari, Pietro Gnocchi, Giuseppe Giordani, Giovanni Battista Pergolesi).
Per quanto riguarda il repertorio profano, (strumentale e/o vocale), oltre ai bresciani Bambini, Bazzini (autografi), Nicolosi e ancora Premoli si conservano sonate e concerti di Arcangelo Corelli (l'opera V), dell'immancabile Gnocchi di Leonardo Leo e - in una antologia di sonate per cembalo - di Corbelli, Fioroni, Palladino e Porpora.
Le stampe allineano edizioni di grande pregio e rarità (tra cui molte pubblicazioni dell'Istituto Editoriale Italiano che rappresentano un po' i primi tentativi della musicologia italiana di approntare edizioni "critiche" di musica antica).
Queste le più notevoli: uno Stabat Mater di Pasquale Cafiero (Napoli 1785); le sonate per cembalo e violino di Giovanni Battista Graziosi; i Salmi di Benedetto Marcello nell'edizione veneziana del 1803. Vanno ricordate anche alcune stampe del già citato Ferdinando Gasparre Turrini: le Sei Sonate per cembalo e violino (Venezia 1784) e le Dodici sonate per cembalo (Milano 1807).
Il fondo prezioso è completamente catalogato.

d) CASE PRIVATE - FONDAZIONI - ENTI:
entriamo in campo quasi del tutto inesplorato.
Le poche notizie raccolte sono assolutamente casuali: si spera possano essere integrate grazie alla collaborazione di chi sia a conoscenza di fondi musicali conservati in qualunque punto della città (e della provincia).
Un solo archivio privato è stato completamente catalogato: si tratta del Fondo Barcella (a Colombaro di Franciacorta) che comprende alcune stampe dell'inizio del secolo e molti manoscritti fra cui un discreto numero di autografi di Ignazio Pasini (tenore di una certa notorietà nato a Colombaro, da non confondere con il più celebre Francesco).
Di altri archivi si ha notizia precisa: a Gavardo la Biblioteca Musicale di Pietro Bettini (Direttore della banda locale sino al 1933) con molto repertorio bandistico; presso la Residenza, a Brescia, rimane un fondo piuttosto consistente in parte costituito da musiche di proprietà di Paolo Chimeri; una raccolta di musiche per chitarra è posseduta dal Centro Chitarristico Bresciano, mentre l'archivio della Banda Cittadina di Brescia conserva una grande quantità di musica per banda.
Questo è, al momento attuale, il panorama delle nostre conoscenze, ed è molto poco. Probabilmente nelle case di qualche famiglia di antica tradizione nobiliare, qualcosa potrebbe essere recuperato. Forse anche presso qualche fondazione (l'Ateneo, per esempio o il Teatro Grande) rimane della musica.
Sarebbe importante saperlo.