Home Page

Associazione
 La Storia
 
I Maestri
 
Consiglio
 
Iscrizione

Attività
 Esecuzioni
 
Compositori   Bresciani
 Discografia
 Tesi
 Filmati Youtube
 Logotipo

Scuola
 Iscrizione
  Didattica

 
Opuscolo
  Banda Giovanile

Giornale
  La Storia
  
Indici
  
Primo Piano

Archivio Musicale
 Antico
 
Moderno

Associazione Amici della Banda
  

Varie

IMMS Italia

Link di interesse bandistico 

 

           

 

di Andrea Franceschelli
 

Già in altre occasioni ho avuto modo di affermare che Giovanni Ligasacchi è stato il pioniere del rinnovamento della Banda musicale in Italia e che la sua figura è unica e in qualche modo, forse, irripetibile per la cultura bandistica italiana.
In quelle occasioni dissi anche di considerarmi suo discepolo devoto.
Sicuramente molti si esprimeranno riguardo al suo essere l’avanguardia più autorevole della “nuova” Banda e al suo apporto artistico, culturale e anche etico-morale; per cui io mi esimerò da questo per “raccontarvi” come, circa 30 anni fa, ho conosciuto Giovanni e della nostra fraterna amicizia.
Eravamo stati entrambi invitati a far parte della giuria di un concorso di esecuzione musicale ad Arezzo e immediatamente questo “ometto” mi affascinò: sia che esponesse il suo pensiero riguardo alla qualità di una Banda, che raccontasse un episodio della sua vita, o che analizzasse una partitura, traspariva in ogni attimo il suo naturale carisma fatto di conoscenza, passione ed esperienza di vita.
Molte altre, innumerevoli, sono state poi le nostre occasioni di incontro a Brescia – ricordo le mie partecipazioni, anche in Banda, ai concerti della Filarmonica “Capitanio” al Teatro Grande – e a Corciano dove Giovanni era quasi “di casa” per aver preso parte a tante edizioni del Concorso Internazionale di Composizione Originale per Banda.
Corciano a quel tempo era una fucina di iniziative rivoluzionarie in campo bandistico: oltre al Concorso - dove si registravano presenze di insigni musicisti di estrazione accademica quali Goffredo Petrassi, Franco Donatoni, Francesco Pennisi, accanto ai massimi compositori di musica per Banda quali Desiré Dondeyne, Henk van Lijnschooten, Jan van der Roost, Philip Sparke, si organizzavano convegni, conferenze, incontri e anche concerti dei più prestigiosi complessi bandistici e gruppi di fiati a livello europeo.
Giovanni aveva perfettamente compreso il senso del percorso che avevamo intrapreso e a lui va il riconoscimento per essere stato con noi, per averci guidato con i suoi consigli e per averci sostenuto in ogni momento.
L’occasione del bicentenario della Rivoluzione Francese fu un altro momento di intensa collaborazione. Lui aveva già realizzato qualche anno prima un disco contenente musiche di quel periodo, ed io potei approfittare delle sue conoscenze per realizzare a mia volta una produzione con il Grand’Ensemble – Orchestra di Fiati di Perugia.
Ma al di là delle occasioni e, perché non riconoscerlo, anche delle opportunità che questa conoscenza ha messo in atto, voglio ricordare Giovanni che, nonostante i 20 e più anni di differenza esistenti fra noi, mi ha dato la sua stima e la sua amicizia che si è estesa anche alle nostre famiglie e che sono tra le “cose belle” della nostra esistenza.